I migranti a bordo della Diciotti verranno fatti sbarcare tutti

I migranti a bordo della nave della Guardia Costiera Diciotti verranno fatti sbarcare tutti nelle prossime ore e gran parte di loro sarà ospitata dalla Chiesa italiana, “dai vescovi che hanno aperto le porte, i cuori e il portafoglio”. Lo ha annunciato alla festa della Lega di Pinzolo il vicepremier, Matteo Salvini, mentre giungeva la notizia di un’apertura di un fascicolo per sequestro di persona nei suoi confronti da parte della procura di Agrigento. 

Nella giornata di oggi è arrivata l’autorizzazione allo sbarco per undici donne e sei uomini. Lo sbarco dal pattugliatore della Guardia costiera ormeggiata da cinque giorni al porto di Catania è stato ordinato dall’ufficio di Sanità marittima locale. A bordo erano saliti medici e ispettori del ministero della Salute. Due dei migranti si sospetta abbiano la tubercolosi. Ci sarebbe, a quanto si è appreso, l’ok anche del ministero dell’Interno. Sei uomini e sette donne sono scesi e saliti sulle ambulanze diretti all’ospedale Garibaldi. Altre quattro donne si sono però rifiutate di scendere perché intendono farlo solo con i loro compagni, per i quali è però necessaria una preventiva autorizzazione da parte del Viminale.

Le donne avrebbero subito stupri durante le permanenza nei campi della Libia, con traumi fisici e psicologici evidenti. Su di loro, in particolare, il pressing era giunto da più parti, dopo lo sbarco alcuni giorni fa dei 27 minori. Il Garante dei detenuti aveva sottolineato anche la presenza di gravi casi scabbia. Dalla Guardia costiera era stata peraltro reiterata ai ministeri e alle procure, la richiesta dello sbarco immediato di tutti.

Nella giornata di venerdì, dopo la nuova fumata nera avvenuta in sede europea, un folto gruppo di migranti ha iniziato lo sciopero della fame a riprova di una insofferenza e di una tensione crescenti, e un inedito pressing è arrivato anche dalla stessa Guardia costiera che in un rapporto inviato al governo e alle procure ha evidenziato la criticità della situazione. Per rendere un po’ meno precaria la condizione di chi è a bordo, stamattina sono arrivate delle docce da campeggio e alcuni tappetini per sostituire i cartoni su cui dormono i migranti.

Fonte AGI.it

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.